• Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Pinterest Social Icon

Monari Federzoni, l' aceto balsamico di modena igp

E da curiosi degustatori enogastronomici quali siamo, non potevamo perderci una giornata di full immersion ospiti della dinastia balsamica Monari Federzoni.

E se in luglio ci erano venuti a trovare allestendo un temporary store nel cuore di Milano, in questa occasione i padroni di casa spalancano le porte di casa Modena per illustrarci il processo di produzione dell'Aceto Balsamico di Modena IGP.

100 anni di esperienza, 4 generazioni all'insegna di una passione autentica dei sapori.

Una filosofia, quella della famiglia Monari Federzoni, che non vuole rinunciare all'originalità e tipicità del prodotto, avvalendosi però di una produzione tecnologicamente all'avanguardia, capace di sfornare un prodotto di eccellenza, non di nicchia, in grado di soddisfare una richiesta che va oltre il territorio nazionale.

Un esempio sono gli Stati Uniti, e la chiamata giunge nientepopodimeno che dalla "mamma" della catena storica newyorkese Dean & Deluca, una passione per il cibo spiegato e non solo mangiato.

Ma prima di varcare la soglia di questa cantina informatizzata, dove botti, barrique e cisterne, vengono tracciate secondo un accurato processo di produzione, ci rendiamo conto di come la produzione dell'aceto balsamico di Modena ha molte analogie con il vino.

Si parte dalla vendemmia, ben 74 ettari vitati a uva rossa, principalmente lambruschi, ancellotta e fortuna.

Si prosegue con la pressatura delle uve per ottenere il mosto che, separato dalle vinacce, verrà destinato alla fase di cottura.

Durante questo passaggio una grande quantità di acqua evaporerà, concentrando sempre più il mosto che risulterà di colore bruno, profumato e con un elevato tenore zuccherino. Il mosto cotto così ottenuto verrà aggiunto all'aceto forte di vino, in proporzioni differenti rispetto all'idea di prodotto finale che si intende ottenere.

In ultimo segue la fase di invecchiamento in botti di legno:

2 mesi per un prodotto maturato, minimo 3 anni per un aceto invecchiato.

La Monari Federzoni vanta una batteria personale di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena (prodotto utilizzando solo il mosto cotto e invecchiato con il metodo Soleras)di ben 100 anni, centellinato in occasioni davvero particolari.

Come dicevamo prima, non tutti gli aceti balsamici di Modena sono uguali, è molto importante saper leggere l'etichetta.

Se il primo ingrediente in etichetta risulterà essere il mosto cotto, ritroveremo un aceto balsamico piu' denso e dalle sfumature dolci. Ideale sui risotti o da accompagnamento a carni, parmigiano, fragole o frutta fresca.

Se invece troviamo come primo ingrediente l'aceto di vino, avremo optato per un prodotto dalla spiccata acidità che ben si presta al condimento di una classica insalata.

Non ci resta quindi che provarlo in cucina, a presto con una nuova ricetta.

Grazie Monari Federzoni.

#acetobalsamicotradizionaledimodenaMonariFede #recensioni

about

Due Uova in Camicia

CI TROVI ANCHE QUI

  • Facebook Social Icon
  • Instagram Social Icon
  • Pinterest Social Icon

ULTIMI POST

INSTA-MOMENT

TI POTREBBERO INTERESSARE:

1/1

CI TROVI QUI:

© 2016 by Due Uova in Camicia